ESPERIENZE ENOGASTRONOMICHE

Emporio Armani Caffè e Ristorante

Galleria Cavour – Ingresso da Via Massei

Stile, esclusività e qualità sono i marchi di fabbrica dell’Emporio Armani Caffè e Ristorante. Ubicato proprio in Galleria Cavour, l’ Armani Caffè e Ristorante propone una cucina raffinata che guarda alla tradizione con tocco contemporaneo. Al pari delle pietanze anche i cocktail, perfetti nella loro raffinatezza, rievocano lo stile italiano tipico della maison.

Mercato di Mezzo

Via Clavature, 12

A pochi passi da Galleria Cavour sorge un altro epicentro dell’incontro commerciale: legato alla tradizione gastronomica: il Mercato di Mezzo. Questo tempio delle prelibatezze ha origini medioevali, ma è solo dopo l’Unità d’Italia che viene trasformato nel primo mercato coperto della città.

Ambasciatori e Eataly

Via degli Orefici, 19

La lettura è il cibo della conoscenza. Forse è per questo motivo che il connubio delle Librerie Coop e di Eataly Ambasciatori appare particolarmente calzante. Tra gli scaffali dei grandi classici o degli ultimi bestsellers è infatti possibile gustare le pietanze di un brand esportato in tutto il mondo e che ha fatto del made in Italy un marchio di fabbrica.

Il Quadrilatero

Per i bolognesi è semplicemente il Quadrilatero. E’ qui, alle spalle di Galleria Cavour, che si districa un dedalo di vicoli, botteghe e ristoranti che hanno un unico comune denominatore: il piacere dei sensi e del palato. Sorseggiare un calice di vino al Rosa Rose Bistrot o assaporare la tradizione bolognese dei taglieri de Il Calice sono solo alcune delle attrattive che hanno reso il Quadrilatero l’epicentro più alla moda della città. Il passeggio di viveur tra via dei Musei e lo Zerocinquantino fino a Casa Minghetti ricorda a tratti i film di Pupi Avati o le poesie delle canzoni di Lucio Dalla.

L’aperitivo in Piazza delle sette Chiese

Sacro e profano si uniscono in una delle piazze più suggestive di Bologna. Quella di Santo Stefano, nota come Piazza delle Sette Chiese, è il complesso più singolare di Bologna: vero santuario di pellegrinaggio spirituale ma anche mondano. Sette Chiese architettonicamente legate l’una all’altra fanno da cornice a una piazza fascinosa che brulica di locali perfetti sia per l’aperitivo e il dopocena come Camera con Vista Bistrot o Agricola e Vitale per citarne alcuni sia per la cena come Da Cesarina.

Drogheria della Rosa

Via Cartoleria, 10

Concludere una cena perfetta col sottofondo di musica lirica e ricevere una rosa donata dall’oste in persona. Non è la fine di un film con protagonista Audrey Hepburn ma quel che succede alla Drogheria della Rosa, una delle osterie più singolari di Bologna. Lo stile inconfondibile di questo locale rispecchia quello dei sapori della sua cucina: provare per credere.

Osteria Biagi

Via Saragozza, 65

Rimasto sempre in famiglia, il locale, che si trova in Via Saragozza, continua, secondo la leggenda, a proporre i più piccoli tortellini al mondo: provare per credere! Oltre al pregiato “ombelico di Venere” il menù offre, ovviamente, tutta la gamma gastronomica bolognese servita in un’atmosfera familiare e calda

Ristorante Al Pappagallo

Piazza della Mercanzia, 3

Locale di tradizione bolognese situato in uno degli edifici medievali che si affacciano su Piazza della Mercanzia, il ristorante Al Pappagallo resta uno dei più suggestivi della città. Ha ospitato star e divi del jet set, tentando persino Alfred Hitchcock che, durante una fugace visita in città, nel 1960, trovò il menù spaventosamente gustoso!

Cremeria Funivia

Via Porrettana, 158/4d

Esiste un modo migliore per premiarsi, dopo una giornata di shopping in Galleria Cavour, del gelato artigianale più famoso di tutta la città? Se a Bologna il gelato è un’arte…lasciarsi tentare dai gusti della Cremeria Funivia, in Piazza Cavour, è un dovere! Se ci sarà fila non fatevi scoraggiare: l’attesa verrà ricompensata.

Pasticceria Regina di Quadri

Via Castiglione, 73/A

In fondo a via Castiglione, alle porte dei Giardini Margherita, è possibile abbandonarsi alla dolcezza e ai sapori della pasticceria Regina di Quadri. E’ qui che il mastro pasticcere Francesco Elmi coniuga qualità, creatività e passione trasformando i suoi dolci in capolavori del gusto.