La città passante. Spazi e storie di Galleria Cavour

-

La città passante. Spazi e storie di Galleria Cavour

In occasione di ART CITY – Arte Fiera 2019, Galleria Cavour celebra i suoi primi 60 anni con una grande Mostra dedicata allo storico complesso edilizio. In esposizione ci sono stati non solo i progetti, ma anche numerose immagini storiche che narravano l’avvicendarsi delle varie epoche in questo contesto prestigioso.

La città passante. Spazi e storie di Galleria Cavour – a cura dell’architetto Daniele Vincenzi – Camere Sonore e promossa dalle due proprietà, Pizzighini Benelli e Sassoli de Bianchi, con il contributo di Banca Generali – è stato il primo degli eventi previsti in questo anno di celebrazioni. Galleria Cavour nasce da un prestigioso progetto, di cui la Mostra intende riportare alla luce le linee guida e narrarne la storia.

Il complesso edilizio di Galleria Cavour sorge nel pieno centro storico della città di Bologna, frutto di un vasto e delicato intervento di ricostruzione post bellica avviato nel 1949 e completato nel 1961. Il 29 gennaio 1944, una bomba devasta l’Archiginnasio e il contesto edilizio della futura Galleria. A partire dalla ricostruzione degli anni ’50, questo complesso edilizio è ravvisabile come un singolare ‘laboratorio urbano’, da osservare sotto vari profili: l’approccio progettuale, la dinamica urbana e sociale, la storia di costume locale e l’inesauribile rapporto tra antico e moderno.

Le immagini della Mostra: le foto delle boutique, dei personaggi e i disegni progettuali. 

La città passante. Spazi e storie di Galleria Cavour è stata allestita lungo l’intera passeggiata della Galleria presentando numerosi documenti iconografici e testimonianze appartenenti alla sua storia nei decenni, dagli anni ’60 a oggi, riferito alle varie attività commerciali che qui si sono via via succedute: una vera e propria ‘narrazione per immagini’ di tante storie e tanti volti che hanno animato gli spazi di Galleria Cavour e che fanno parte della storia di Bologna.